Se quella miniera fosse stata alle porte di Roma...


Se l'incidente cileno fosse successo in una miniera italiana, le cose sarebbero andate così...

I giorno – tutti uniti per salvare i minatori, diretta tv 24h, Bertolaso sul posto.
II giorno – da Bruno Vespa plastico della miniera, con Barbara Palombelli, Belén e Lele Mora.
III giorno – prime difficoltà, ricerca dei colpevoli e delle responsabilità.
Berlusconi: “colpa dei comunisti”;
Di Pietro: “colpa del conflitto d’interessi”;
Bersani: “… ma cosa …è successo??”;
Bossi: “sono tutti terroni, lasciateli la’;
Capezzone: “non è una tragedia, è una grande opportunità ed è merito di questo governo e di questo premier”;
Fini: “mio cognato non c’entra”.
IV giorno – Totti: “dedicherò un gol a tutti i minatori.”
V giorno – Il Papa: “faciamo prekiera ai minatori ke in kvesti ciorni zono vicini al tiavolo!!”
VI giorno – cala l’audience, una finestra in Chi l’ha visto e da Barbara d’Urso, che intervista i figli dei minatori: “dimmi, ti manca papà?”
Dall’ottavo al trentesimo giorno falliscono tutti i tentativi di Bertolaso, che viene nominato così capo mondiale della protezione civile.
Passato un mese, i minatori escono per fatti loro dalla miniera, scavando con le mani.
Un anno dopo, i 33 minatori, già licenziati, vengono incriminati per danneggiamento del sito minerario.

Ma è successo in Cile…
Posta un commento