Lezione di giornalismo di Bondi. Che vuole fare il direttore di Libero..


Egregio Direttore,
vi dirò con assoluta franchezza che cosa penso del vostro modo di concepire l’informazione.
Innanzitutto siete voi che avete la facile abitudine di insultare, sia gli esponenti della sinistra che gli stessi rappresentanti del centrodestra, debitamente selezionati, naturalmente.
E questo non è affatto un segno di autonomia, come voi vorreste far credere, ma il carattere tipico del giornalismo che incarnate che nulla ha a che fare con la cultura di un grande quotidiano capace di dare voce e dignità alla maggioranza degli elettori moderati del nostro Paese.
Lo conferma quest’ultima polemica che vi siete letteralmente inventati, non so a quale fine e per raggiungere quali risultati, se non per alimentare una atmosfera di avversione alla politica in quanto tale, in cui siete specialisti. Mi avete messo all’indice, secondo un metodo giornalistico discutibile, con l’accusa di essere anch’io un “voltagabbana”, una persona incoerente e inaffidabile, al pari della sinistra, un “bamba” per riprendere il vostro greve e consueto linguaggio.
E ora passo alla spiegazione di quanto è accaduto sette anni fa con quell’ordine del giorno. Intanto non era concordato con il governo. La maggioranza intera decise di votare contro, secondo indicazione del governo, per motivazioni che vanno al di là della semplice posizione a favore o contraria al nucleare. E così feci io.
Se ora vogliamo invece discutere seriamente del nucleare, la mia opinione è la stessa, allora come oggi. Credo che il ricorso al nucleare sia necessario anche per l’Italia, per diversificare le fonti di approvvigionamento dell’energia, secondo quanto l’Europa ha deciso. Ciò non significa essere indifferenti all’ondata di preoccupazione che in tutto il mondo la terribile vicenda del Giappone ha suscitato. Sono d’accordo con il professor Veronesi, quando ha auspicato una moratoria, una riflessione sull’argomento, affinché si realizzino per il futuro centrali nucleari sempre più sicure.
Ma un confronto pubblico di questo genere dovrebbe essere a cuore di una stampa obiettiva e moderata, dalla quale siete ben lontani.
Sandro Bondi
Scusi, signor ministro dimissionario: Lei- come conferma in questa sua lettera ha votato sul nucleare nel 2004 in modo diametralmente opposto a quello che professava pubblicamente. Vede, votando contro le sue convinzioni solo per disciplina di partito, magari senza nemmeno leggere quel che si votava, lei ha compiuto proprio quell'atto di cui va lamentandosi ogni tre per due in ogni trasmissione tv che la ospita. Ha fatto esattamente quel che ora le brucia tanto, quando si tratta di deputati (ad esempio l'Udc) che le ha votato la sfiducia da ministro a prescindere. Per questo immaginavo che ora ci tenesse a spiegare agli elettori perchè ha compiuto un gesto così clamorosamente in contrasto con quel che prometteva a loro. Invece la sua unica preoccupazione è dare lezioni di giornalismo a chi quella notizia ha trovato e pubblicato. Per limitandosi a segnalare il suo nome - perchè fra i più noti- insieme a tanti altri che come lei nei comizi dicono una cosa e al momento buono fanno l'esatto contrario. Tutte le lezioni- si figuri- si ascoltano volentieri perchè c'è sempre tanto da imparare da tutti. Se a lei Libero non piace, può sempre non leggerlo. Da quel che scrive sembra lei sia certo di poterlo dirigere al meglio. Può essere che glielo offra l'editore. Dirigerlo dal suo scranno politico è forse pretendere un po' troppo. Perchè signor ministro, oltre alla libertà e alla sapienza sua, incidentalmente esiste ogni tanto quella altrui. Perfino la libertà di quegli ignorantoni di giornalisti di Libero. Che cercano notizie, riguardino questo o quel fronte politico. Lei preferirebbe le sussurrassimo fra noi, magari chiedendo  scusa in ginocchio a lei e altri di averle trovate. E invece la deludiamo e la deluderemo ancora chissà quante volte: perchè le notizie le consegnamo ai lettori nell'unico modo possibile: pubblicandole.
Franco Bechis
Posta un commento