CONSORTE ACCUSATO DI VIOLARE LA LEGGE AL TELEFONO CON FASSINO, LATORRE D'ALEMA. E dall'altro capo del telefono?

Pubblico qui il testo del reato di insider trading previsto dal testo unico della finanza. Eccolo: Art. 180 Abuso di informazioni privilegiate 1 . È punito con la reclusione fino a due anni e con la multa da venti a seicento milioni di lire chiunque, essendo in possesso di informazioni privilegiate in ragione della partecipazione al capitale di una società, ovvero dell'esercizio di una funzione, anche pubblica, di una professione o di un ufficio: a) acquista, vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su strumenti finanziari avvalendosi delle informazioni medesime; b) senza giustificato motivo, dà comunicazione delle informazioni, ovvero consiglia ad altri, sulla base di esse, il compimento di taluna delle operazione indicate nella lettera a). 2 . Con la stessa pena è altresì punito chiunque, avendo ottenuto, direttamente o indirettamente, informazioni privilegiate dai soggetti indicati nel comma 1, compie taluno dei fatti descritti nella lettera a) del medesimo comma. 3 . Ai fini dell'applicazione delle disposizioni dei commi 1 e 2, per informazione privilegiata si intende un'informazione specifica di contenuto determinato, di cui il pubblico non dispone, concernente strumenti finanziari o emittenti di strumenti finanziari, che, se resa pubblica, sarebbe idonea a influenzare sensibilmente il prezzo. Questa ipotesi di reato è stata contestata dalla procura di Milano all’ex presidente di Unipol, Giovanni Consorte. Per avere comunicato notizie riservate, in grado di incidere sull’andamento dei titoli coinvolti, ad alcuni interlocutori al telefono: Piero Fassino e Nicola Latorre, che durante una di queste telefonate passa il suo cellulare a Massimo D’Alema, cui Consorte offre altri particolari della scalata Unipol a Bnl. Se la procura contesta questo reato significa che Clementina Forleo non era poi così sola quando scriveva la richiesta di utilizzo di quelle intercettazioni alle Camere. Ma sarebbe curioso che la stessa ipotesi di reato non venga contestata a quegli interlocutori al telefono. Se è colpevole Consorte infatti, potrebbero esserlo anche i suoi interlocutori, messi nelle condizioni di sfruttare a proprio vantaggio o vantaggio di terzi quelle informazioni riservate. Per appurarlo- come accadrebbe a qualsiasi altri cittadino- bisognerebbe iscrivere nel registro degli indagati Fassino, Latorre e D’Alema, fare le relative indagini e magari scoprire che il reato non è mai esistito, avendo tenuto ognuno per sé quelle informazioni privilegiate. Per escludere questa ovvia ipotesi di reato bisognerebbe avere già indagato, e avere raccolto le prove dell’innocenza dei tre politici Ds. Che quindi sarebbero indagati da tempo. La terza ipotesi non si può nemmeno prendere in considerazione: che a Milano ci siano magistrati in grado di concedere un’immunità di principio a Fassino, Latorre e D’Alema. Pm che più o meno procedano così: “Ma no, quei tre sono persone per bene. Non possono avere nemmeno per ipotesi utilizzato a proprio vantaggio quelle informazioni riservate che contestiamo a Consorte di avere loro rivelato. Né a vantaggio loro, né a vantaggio del loro partito, di un banchiere o imprenditore amico successivamente raggiunto al telefono… Indagare su questo? Sarebbe come mettere in discussione la verginità della Madonna”. Sono certo che un magistrato così non esista né a Milano né in un’altra qualsiasi procura di Italia Quindi per l’insider trading di Unipol sono certamente indagati tutti e tre i politici diessini. E certamente tutti e tre sapranno dare prova della propria innocenza…
Posta un commento