PECORARO SCANIO, IL PORTOGHESE SUI MEZZI DELLE FIAMME GIALLE

Che cosa emerge se si opera un confronto reale fra quanti passaggi più o meno istituzionali abbia chiesto alla Guardia di Finanza il governo di Silvio Berlusconi rispetto a quello di Romano Prodi? Che il centrosinistra si trova più a suo agio in mare e sembra avere più paura di volare rispetto al centro destra. Perchè alla Finanza entrambi i governi hanno chiesto circa tre passaggi al mese, senza particolari variazioni. In 59 mesi infatti 19 membri del governo Berlusconi hanno chiesto 200 passaggi alle Fiamme Gialle. Di questi 117 sono avvenuto in aereo o elicottero e 83 via mare. La media è 3,3 passaggi al mese. Il ritmo è rimasto più o meno identico con il governo successivo: 55 passaggi in 18 mesi, con una media di 3,05 passaggi al mese. Solo che in questo caso le Fiamme Gialle hanno dovuto imbarcare il governo 31 volte via mare e 24 volte per via aerea. Per altro i due più assidui portoghesi sui mezzi della Finanza sono entrambi ministri del governo Prodi: il titolare dell'Economia, Tommaso Padoa Schioppa, ha utilizzato barche e aerei al ritmo di 1,11 volte al mese. Al secondo posto il ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio: 0,88 passaggi al mese. Terzo posto per l'ex ministro delle attività produttive, Antonio Marzano: 0,74 passaggi al mese. Solo al quarto posto l'ex ministro dell'Economia, Giulio Tremonti: 0,64 passaggi al mese. Se si escludono dunque i titolari del ministero dell'Economia, che hanno diritto istituzionale a viaggiare in certe condizioni sui mezzi della Finanza, il re dei portoghesi sui mezzi delle Fiamme Gialle è proprio Pecoraro Scanio, che evidentemente vede nei finanzieri i suoi tassisti di fiducia...
Posta un commento