Quando il Papa è fallibile- Gaffe in un discorso ufficiale sull'Angola. Si cerca il responsabile dell'editing

L'annuncio è stato dato con tutta l'ufficialità del caso domenica 26 ottobre alla chiusura del Sinodo dei vescovi in una basilica di San Pietro piena all'inverosimile. Papa Benedetto XVI ha reso pubblico il suo primo viaggio in Africa, che si terrà nel marzo 2009. Inforcando gli occhiali e scorrendo il testo dattiloscritto nelle sue mani il pontefice ha spiegato: «È mia intenzione recarmi nel marzo prossimo in Camerun. Di lì proseguirò, a Dio piacendo, per l'Angola, per celebrare solennemente il 500° anniversario di evangelizzazione del paese». Una gaffe clamorosa: l'anniversario è già stato solennemente celebrato. Nell'anno giusto, il 1992. Da un papa: Giovanni Paolo II. Un errore. E in Vaticano è iniziata la caccia al colpevole... Potrà sembrare un errore veniale a chi legge. E probabilmente in Italia e in gran parte del mondo pochi sapranno della storia dell'Angola e tanto meno dell'anno in cui il cristianesimo è arrivato in quelle terre. Talmente pochi che nessun media italiano o internazionale, riportando fedelmente l'annuncio del Papa, si è accorto dell'errore. Eppure sedici anni di differenza per un anniversario così rilevante non sono pochi. E in Africa come nella stessa curia Vaticana l'errore non è passato sotto silenzio. Nessun commento all'esterno, come è immaginabile, ma un'immediata inchiesta interna. Perché la gaffe- naturalmente non dovuta a papa Ratzinger che si è limitato a leggere un discorso preparato per l'occasione, non ha provocato sconquassi nè casi politici internazionali come in altre occasioni è accaduto. Ma è stata rischiosa e denota almeno una certa faciloneria con cui si confezionano i testi che il Pontefice deve leggere di fronte al mondo. Sarebbe bastata una semplice ricerca su Google per conoscere l'anno esatto della ricorrenza della evangelizzazione dell'Angola. Ma è incredibile che in Vaticano nessuno sapesse della precedente celebrazione guidata con eco mondiale da Giovanni Paolo II. E ancora più che chi mette mano ai testi papali, sia che ne curi la bozza originaria sia che ne controlli l'editing prima che siano affidati alla lettura pubblica, non proceda a controlli accurati. Come questi primi anni di pontificato hanno dimostrato sulle parole di papa Ratzinger si concentra spesso l'attenzione del mondo come mai era accaduto. Si pensi solo a quanto avvenne dopo il discorso all'Università di Ratisbona e alle tensioni nate nell'Islam anche per un errore di comunicazione dello staff papale...
Posta un commento