Silenzio, muore Eluana

Addio Eluana Englaro. Anzi, a Dio. Perché in quelle ultime mani sarà affidato il soffio di vita che ancora c'è nella ragazza in coma da 17 anni. La Corte di cassazione, a sezioni riunite, ha preso l'ultima decisione, quella di fare staccare il sondino che alimenta e idrata Eluana, confermando la sentenza della Corte d'appello che aveva accolto la richiesta del padre Peppino. In 21 pagine di motivazioni la Cassazione ha respinto il diritto a costituirsi in giudizio a difesa della vita di Eluana dell'unico soggetto che l'aveva fatto: il pubblico ministero presso la procura generale della Corte d'appello di Milano. Non potendo nessuno difendere la vita, ha vinto la morte. E l'Italia avrà la sua prima eutanasia Nulla come la morte è segno dell'impotenza dell'uomo. Ma la morte di Eluana, per come avverrà e il percorso seguito, è un segno più grave, quello dell'impotenza di un intero paese. Che non ha saputo aiutare la famiglia di Eluana in questi anni, affrontare il martirio di una ragazza ritornata bambina con cuore e occhi diversi da quelli di una divisione ideologica tanto aspra quanto sterile. Impotente la politica, che sulla vita e la morte non trova mai le parole, rimanda alle coscienze, ha creduto valesse la pena spendersi sul destino di una compagnia aerea e non su quello di un uomo o di una donna. Triste il diritto che emette una sentenza di morte- perché questa è la decisione della Cassazione di ieri- per una questione squisitamente procedurale. Questa storia ha bisogno ora di silenzio, più che delle polemiche che da un minuto dopo la sentenza stanno infervorando fra uomini politici ed opinione pubblica, scatenando una messa in scena purtroppo vista mille volte, fra turisti di un'idea di vita e di morte che non ha anima fondamento. Eluana che sta per morire in mezzo a questo chiasso ha reso impotente tutto un paese che non ha saputo scegliere, affrontare, trovare anche in un atto estremo e fragile come un codice, una norma o una legge il senso della vita e del suo limite. Personalmente comprendo la difficoltà e la delicatezza di una legge sulla fine della vita, ma quel che è avvenuto in questi mesi- ed Eluana non è la prima tragedia- era più che sufficiente a sottrarre il destino della vita umana alla saggezza o meno di questo o quel tribunale. Posto che nel codice penale oggi esiste un articolo, il 579, sull'omicidio del consenziente che viene applicato o meno a secondo della sensibilità o della pietas del giudice, è chiaro come non si possa lasciare fare alla competenza territoriale. Piaccia o meno a chiunque, le norme in vigore sono evidentemente assai elastiche da dovere essere riscritte, non lasciando spazio alla interpretazione più o meno legittima di un ufficio giudiziario. Sarà più importante discutere di questo o passare mesi ad accapigliarsi su chi deve guidare o meno la commissione di vigilanza sulla Rai? Eluana morirà perché è stata concessa la possibilità di non darle più da mangiare e da bere. Mangiare e bere, non fare funzionare con una macchina un organo vitale che senza vitale non sarebbe. E' accanimento terapeutico alimentare e dissetare? E'una domanda da ignorare- come la politica ha fatto, salvo poi accompagnare la tragedia finale con barricate ideologiche che non solo violentano anche queste ultime ore della ragazza in coma, ma non serviranno alle prossime o ai prossimi. E' stato triste ieri leggere l'esplosione di “evviva” e “vergogna” seguita ovunque, nel palazzo come in strada, alla notizia sulla decisione della Cassazione. Evviva che? Viva la morte perché così viene data legittimità a una propria idea? Vergogna? Chi si deve vergognare? I giudici che se ne sono lavati un po' le mani applicando formalmente la legge che cìè o chi ha scritto leggi che hanno lasciato aperte sentenze così e con lo stesso diritto il loro esatto contrario? Ma felicità vergogna potranno ridare al corpo straziato di Eluana quel soffio che l'ha accompagnata in questi sedici anni. felicità vergogna renderanno più lieve la sua fine. Io non so se Eluana avesse mai scelto di morire pur di non vivere così. So, perché l'ho vissuto, che anche una decisione così estrema in qualsiasi condizione può essere cambiata. Basta un soffio. Un fatto anche impercettibile ai più per ritrovare le ragioni di quella vita che si vuole perdere. Silenzio dunque, e ora solo pietà
Posta un commento