Abruzzo, Berlusconi rischia di scivolare

Il 6 giugno scorso una nuova ordinanza della presidenza del Consiglio dei ministri ha stabilito che non tutti i residenti nei comuni della provincia de L’Aquila potevano rinviare la presentazione della loro dichiarazione dei redditi e il pagamento di quanto dovuto al fisco. Dopo averlo concesso appena due mesi prima, agli abitanti di Sulmona (1.118 edifici inagibili), di Raiano (395 edifici inagibili), di Pratola Peligna (293 edifici inagibili) e di decine di altri comuni in analoghe situazioni è stato chiesto di preparare insieme ai loro commercialisti la dichiarazione dei redditi in 22 giorni e versare tutto il dovuto entro il prossimo 16 luglio. E’ l’ultimo pasticcio governativo sulla gestione dell’emergenza Abruzzo. Naturale che la decisione prima in un senso poi in quello opposto su uno dei temi che in caso di terremoto si danno quasi per scontati (la sospensione dei termini fiscali) abbia fatto insorgere gli esclusi, i sindaci dei comuni e i commercialisti, che protestano per la palese violazione dello Statuto del contribuente, il testo per altro fra i più elusi dal fisco italiano. Il caso riguarderà qualche migliaio di contribuenti, e forse non è il più importante in Abruzzo a oltre due mesi dal sisma. Ma è indicativo di quanto sta accadendo una volta spentesi le luci dei riflettori, ed è contenuto in un corposo dossier di cose che non funzionano. Molte sono emerse questa settimana quando alla Camera sono stati sentiti informalmente il sindaco e il presidente della provincia de L’Aquila e il presidente della Regione (che è Pdl). Si può capire un po’ di confusione nelle prime settimane, ma il tempo passato dovrebbe avere schiarito le idee. E invece il decreto legge per la ricostruzione dell’Abruzzo si è riempito di molte norme nel suo già faticoso percorso parlamentare, ma continua ad avere coperture ballerine (si pensi ai fondi Fas fra 2 e 4 miliardi di euro, e c’è una bella differenza) e in alcuni casi proprio nessuna copertura. Così capita che si sia stabilita una zona franca per investimenti per attrarre imprese nella ricostruzione, e i fondi a disposizione (45 milioni di euro, non una follia) sono relativi solo al 2009: chi investirà mai con una mini-agevolazione per un anno solo? Ma l’elenco è lungo. Se hai perso casa e capannone industriale, lo Stato ti aiuta o sull’uno o sull’altro, e chissà perchè. Visto l’impegno personale del premier Silvio Berlusconi sulla vicenda, il caso Abruzzo rischia di trasformarsi in questo modo in una buccia di banana per il governo... Franco Bechis
Posta un commento