Primo golpino? Già sventato

Se golpe (o golpino) era davvero in corso, bisogna dire che in poche ore il suo primo atto è fallito. Finito ko in poche ore fra la casa Bianca e il Quirinale. Con Barack Obama che a colpi di «my friend» ha smontato in pochi minuti il caso di un presunto isolamento internazionale di Silvio Berlusconi. E con il presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano, che in pochi minuti ha sedato la rivolta del Csm contro il governo, fermando la spallata, respingendo le dimissioni di tre magistrati e chiedendo ai giudici di stare al loro posto e di rispettare il Parlamento che fa il suo dovere: legiferare. Un successo l’incontro negli Usa, per quanto minimizzato da parte della stampa italiana... Solo poche ore prima dell’incontro alla Casa Bianca Massimo D’Alema aveva preconizzato scenari tragici per un Berlusconi già quasi sotto scacco. E chi lo aveva intervistato davanti alle telecamere Rai, e cioè l’ex presidente della tv di Stato, Lucia Annunziata, aveva tradotto subito dopo: “‘c’è la sensazione che la stagione di Berlusconi stia entrando in un grave momento di debolezza, da cui potrebbe scaturire, o deflagrare, una crisi istituzionale più ampia. A innescare la crisi potrebbe essere l’arrivo di altri scandali, di altre foto spiacevoli. Temo storie torbide, credo che l’immagine internazionale di Berlusconi, già complicata nei rapporti con l’amministrazione Obama, possa risultare ulteriormente danneggiata’’. IL ritornello è simile a quello più volte recitato in questi mesi dallo stato maggiore del Pd: quel che un’opposizione non è in grado di fare facendo il suo mestiere, cioè mettere in crisi il governo e dargli la spallata grazie ai responsi delle urne, è affidato in modo un po’ torbido ad altri poteri: media, tycoon internazionali, pressing dall’estero, e soprattutto giudici (unico potere su cui il Pd esercita ancora influenza). Basta ripercorrere le cronache politiche di questi mesi per leggere la soddisfazione Pd per una presunta crisi fra il governo italiano e l’amministrazione Obama. Fantasie, e si è visto alla Casa Bianca, dove a parte le manifestazioni di simpatia personali il presidente Usa ha quasi nominato Berlusconi consigliere per i rapporti con la Russia in vista del G8. Anche sul fronte dei giudici Napolitano ieri ha inviato un messaggio di una chiarezza esemplare, proteggendo il senso stesso della democrazia italiana. Una dimostrazione in più che la spallata non verrà da poteri oscuri, perché c’è ancora chi ha il senso dello Stato. Gli unici errori che Berlusconi deve temere sono negli atti del suo governo... Franco Bechis
Posta un commento