Pompei? Quel crollo è benedetto. Parola di archeologo

video
Avrà pianto perfino il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ma quel crollo che si è verificato a Pompei è tutt'altro che drammatico. Anzi, è una benedizione artistica, perchè quel che è venuto giù è una sorta di mostro architettonico. Parola di Andrea Carandini, presidente del Consiglio Superiore dei Beni culturali e soprattutto uno dei massimi archeologi viventi, noto per avere scoperto a Roma le mure del Palatino. Carandini, cui il presidente della Repubblica hga conferito quattro anni fa la medaglia d'oro ai Benemeriti della Cultura e dell'Arte, ha spiegato in assoluta controtendenza la sua opinione a Francesco Graziani, conduttore di Baobab su Radio Uno. Secondo Carandini a crollare è un impianto in cemento armato costruito dai restauratori nel 1947. "Il  dolore monumentale va anche circoscritto, perchè quello che è crollato è il restauro di Maiori della fine degli anni '40... quello che è crollato per fortuna è questo. Non è un danno. Per assurdo è in sè un bene perchè noi dobbiamo levarle queste struttiure in cemento". Carandini sostiene che bisognerebbe fare crollare anche tutte le altre strutture, a iniziare dalla casa del fauno, per ricostruirle in legno lamellare
Posta un commento