Melandri condannata a pagare le spese per avere querelato ingiustamente Italia Oggi

Giovanna Melandri è stata condannata dal tribunale di Milano a pagare le spese processuali del procedimento che lei stessa aveva promosso contro il quotidiano Italia Oggi per un articolo pubblicato il 22.11.2006 sulle sue proprietà immobiliari. Il ministro non contestava i fatti, ma la violazione della sua privacy ed era indispettita dalla pubblicazione della notizia su un immobile donato vigente la legge Tremonti che rendeva esentasse quell'atto. Non gradita nemmeno la notizia sui guai giudiziari successivi avuti dal notaio che aveva compilato l'atto. Con sentenza depositata il 13 novembre il gup milanese Fabio Paparella ha respinto le richieste della Melandri non ravvisando nell'articolo alcun intento diffamatorio. "Invero i fatti di cui si parla nell'articolo sono veri come si può desumere dalla stessa denuncia-querela. D'altra parte non è dato vedere in che modo o per quale motivo le frasi contenute nell'articolo riguardanti tali circostanze possono avere carattere diffamatorio...". Per questo motivo il gup dichiara "non luogo a procedere nei confronti di Sansonetti Stefano e Bechis Franco in ordine ai reati loro rispettivamente ascritti perché il fatto non sussiste" e condanna "il querelante al pagamento delle spese processuali". Questo l'articolo per cui la Melandri aveva querelato:

Una sobria Melandri Giovanna Melandri è un ministro sobrio, senza eccessi. Le banche dati sono avare di informazioni. Non una partecipazione societaria. Niente di niente. L'unica a soddisfare qualche sulla diessina nata a New York nel 1962, è quella del catasto. In realtà quello che racconta non va oltre i dati relativi alla proprietà di due appartamenti. Il primo è situato un via di S. Paolo alla Regola a Roma. La Melandri qui ci vive, muovendosi in 6 vani. Un appartamento che vanta una rendita di 1.781,78 euro. Più interessante, invece, la situazione immobiliare che porta dritta al comune di Ficulle in provincia di Terni. In località Poggi, Giovanna Melandri è proprietaria di un appartamento popolare di 4,5 vani per una rendita di 199,87 euro. L'appartamento le è stata donata il 5 ottobre del 2002, donazione dunque effettuata sotto legge Tremonti, da Carla Maria Petrosino Ghelli, romana di 66 anni, la cui unica traccia si ferma a un'iscrizione all'ordine dei giornalisti del Lazio nell'elenco pubblicisti. Notaio rogante Alessandro Pongelli, balzato agli onori delle cronache lo scorso 10 ottobre per essere finito nell'occhio di un'indagine della Guardia di Finanza che gli è costata gli arresti domiciliari

Posta un commento