Fassino sarà meno solo in Birmania. Ma non ne sa nulla: laggiù bisognava mandare Veltroni

, biPiero Fassino sarà anche stato sottosegretario agli Esteri, ma della Birmania se ne è occupato per la prima volta proprio in questi ultimi mesi, commentando come tutti le repressioni contro i monaci buddisti. Ho fatto una ricerca in tutti gli anni di vita parlamentare e ministeriale di Fassino, e nemmeno in una sola occasione si è occupato di Rangoon e dintorni. Solo e disoccupato in Italia, come testimonia questa foto scattata a Montecitorio (laggiù, allungato su una poltroncina, dimenticato da tutti), Fassino ha certamente trovato una occupazione dignitosa. Ma il vro esperto di Birmania nel Pd era certamente un altro: Walter Veltroni, che da quindici anni segue direttamente le vicende politiche di quel paese in prima persona. E' il leader politico internazionale che più se ne è occupato insieme a M. Gorbaciov. Prima da semplice leader pci, poi da pidiessino, da segretario dei Ds fece laggiù un lungo iaggio diplomatico (1999), da sindaco di Roma se ne è occupato ogni anno. Va a finire che come con Prodi Veltroni si ritaglierà un ruolo da suggeritore occulto anche di Fassino...
Posta un commento