Da Italia Oggi in edicola/ Amato che insicurezza

Quando un agente di polizia, come Luigi Spaccatorella di pattuglia sull'autostrada del Sole, impugna una pistola, dovrebbe ripetere un gesto fatto mille e mille volte. Un tempo tutti erano costretti a farlo una volta, anche due al mese. Sul libretto di tiro segnate tutte le prove al poligono, anche i centri fatti. Prima che l'agente Spaccatorella impugnasse quella pistola domenica mattina dall'area di servizio di Badia al Pino, facendo fuoco per fermare quella che lui aveva creduto una rapina, il libretto di tiro non aveva che poche tracce. Un poliziotto oggi spara, se va bene, una volta ogni due mesi. Non ci sono fondi. Mancano addestratori per tutti. Anche per questo è morto Gabriele Sandri (...) E' l'addestramento che manca a un agente che da 70-80 metri spara per fermare la corsa di quelli che ritiene rapinatori e non lo sono. A quella distanza non è certo di colpire il bersaglio nemmeno un tiratore scelto. Figurarsi se di mezzo ci sono quattro corsie autostradali e la barriera che le separa. Questa tragedia che ha colpito l'Italia, che ha mostrato l'impreparazione dei vertici dell'Interno anche nella gestione successiva della comunicazione (e la guerriglia scaturita in mezza Italia si deve anche a questo), purtroppo non è casuale. Potrebbe avvenire ogni giorno, in questo o in altri modi, sulle strade, nelle città d'Italia. Per rendersene conto basterebbe scorrere le lunghe pagine delle audizioni fatte fra maggio e luglio dalla commissione affari costituzionali della Camera, di fronte a cui sono sfilati i vertici istituzionali e operativi di tutte le forze di polizia. Basti un dato fornito dallo stesso ministro dell'Interno, Giuliano Amato: fra il 2004 e il 2007 il budget della sicurezza in Italia è stato tagliato di un miliardo di euro. Le esigenze sono cresciute, le risorse tagliate. Quel giorno si rise amaro per il consiglio fornito dal ministro ai vigili del fuoco: “visto che non ci sono soldi, pagate la benzina, lasciate perdere gli affitti”. Meno risorse però significa meno uomini, meno armi, meno auto, meno addestramento. Più assassini come quello di Giovanna Reggiani a Roma. Altre tragedie come quella è costata la vita a Gabriele Sandri. Largo alla criminalità organizzata in mezza Italia. Strade aperte alla criminalità comune ovunque. Non c'è stato un governo negli ultimi anni che abbia impedito al ministro dell'Economia di tagliare il budget della sicurezza come si trattasse di un capitolo di spesa fra i tanti. Non c'è stato un politico che abbia chiesto di organizzare diversamente quel che resta: non a protezione del Castello e dei suoi nobili inquilini, ma di tutti. A loro mille scorte. A vegliare sugli altri italiani resta solo un ministro.
Posta un commento