DA ITALIA OGGI IN EDICOLA/ Dini e il suo ditino

Il governo italiano è appeso a un ditino. A un pollice: quello che Lamberto Dini girerà verso l'alto, salvando la vita a Romano Prodi, o verso il basso, salvando la faccia a Silvio Berlusconi. Quel pollice è lì, a mezz'aria. Ieri si è alzato più volte. E quando Prodi già confidava ai suoi «Lamberto è tornato a casa», trattando Dini come Lassie, ecco quel pollice girarsi verso il basso, e indicare ai suoi lo stesso voto della Cdl. Governo sotto e brivido nella maggioranza già certa di avere scampato il pericolo. E di nuovo a roteare. Prodi ci è abituato: l'anno scorso il suo destino dipendeva da Pallaro, ora la sua maggioranza è legata alle decisioni di un mini-partito, i liberaldemocratici fondati da Dini. In senato i diniani sono tre: il fondatore, Lamberto; Giuseppe Scalera e Nicola D'Amico. Quest'ultimo è nato e cresciuto con Dini in Banca d'Italia. Grazie a lui è sbarcato in politica. Ma secondo il chiacchericcio di palazzo Madama D'Amico oggi sarebbe la longa manus di Prodi nel gruppetto che potrebbe tradire. Il suo compito sarebbe quello di lanciare per tempo l'allarme e consentire di trovare una sponda d'emergenza alla maggioranza. Che sia vero o falso, è questo il clima con cui ci si avvia al voto finale sulla legge finanziaria. Possibile che sugli ultimi articoli votati questa mattina la maggioranza vada ancora sotto e che il voto finale diventi l'addio al governo Prodi, cosa di cui è talmente certo Berlusconi da avere messo a punto ieri sera una sua possibile conferenza stampa di oggi per chiedere il ricorso alle urne. Possibile- come è avvenuto sempre nei momenti critici di questi mesi- che il voto di un senatore a vita consenta di prolungare l'agonia a palazzo Madama fino alla prossima trappola. Chi tifa per questa seconda ipotesi sventola uno spauracchio che ha poche ragioni di esistere: quello del rischio dell'esercizio provvisorio. Se anche cadesse il governo, non è detto che cada la finanziaria. Già quando Prodi fu costretto a lasciare il timone a Massimo D'Alema, si dovette ricucire una manovra economica in corsa. Il massimo che può accadere è dovere lavorare anche sabato e domenica e rinunciare al maxi-ponte di Natale. Indipentementre dall'esito del voto odierno però un fatto è chiaro: una maggioranza politica rappresentata in Parlamento in questo momento non esiste più. Dini e i suoi non fanno più culturalmente parte dell'Unione. Non è più lì nemmeno l'Udeur di Clemente Mastella. Possono optare per la ragione di Stato, possono non essere entusiasti di doversi alleare (colpa della legge elettorale) con il centrodestra di Berlusconi. Ma entrambi sono coscienti che è finita...
Posta un commento