ALTRO CHE POLITICA! OGGI E' IL 90° GIORNO DI TRATTATIVA PER DARE UN GOVERNO A TELECOM. Tutti divisi sul ritorno di Bernabè in conflitto di interessi

La prima indicazione è arrivata il 28 agosto scorso, quando Mediobanca ha annunciato l'intenzione di dare un nuovo governo a Telecom Italia. Da allora sono passati tre mesi- oggi è il 90° giorno di trattativa- e del nuovo governo non c'è traccia. Avrà anche ragione Luca Cordero di Montezemolo a sostenere che da 12 anni l'Italia non è governata. Ma quando tocca a loro- industriali e banchieri- prendere decisioni, non è che la musica sia assai diversa. Nella storia Repubblicana il record di giorni per la formazione di un nuovo governo è del 1978, con 54 giorni di trattative per la formazione di un esecutivo guidato da Giulio Andreotti che vide i natali l'11 marzo di quell'anno, all'indomani del rapimento di Aldo Moro. Non che Telecom sia stata molto governata da quando è passata da mani pubbliche a mani private. Ma l'attuale crisi è da primissima Repubblica. L'unica coincidenza con la Seconda Repubblica è nella candidatura maggioritaria (ma che divide tutti) di Franco Bernabè, che come Silvio Berlusconi ha un conflitto di interessi grosso come una casa: sia la Telit da lui guidata che la ex Kelyan Lab (ora Xaltia spa) da lui posseduta hanno come principale cliente proprio il gruppo Telecom-Tim... Un caso da manuale che dimostra come il mondo imprenditoriale abbia assunto tutti i vizi e i difetti della politica. Generalmente peggiorandoli... P.S. La foto sopra risale al 1990: dietro Prodi e Bernabè si intravede un Silvio Sircana di belle speranze...
Posta un commento