A Napoli c'è un cardinale che si è perso nel bosco...


C’è anche un bosco, e che bosco, fra le proprietà immobiliari della Archidiocesi di Napoli ora guidata dal cardinale Crescenzio Sepe. Una distesa di 17 ettari alle porte della città partenopea che secondo disposizione testamentaria del benefattore debbono appartenere non alla archidiocesi, ma al’arcivescovo pro tempore della Archidiocesi di Napoli. E così avviene: appartenevano a Michele Giordano, ora quegli ettari sono divenuti proprietà pro tempore del cardinale Sepe. Sarà anche per questo che il porporato non sentirà troppa nostalgia dell’epoca in cui stava al vertice della Congregazione di Propaganda Fide, da cui lo rimosse proprio l’attuale Papa Benedetto XVI promuovendolo arcivescovo della sua amatissima Napoli. Da papa Rosso il cardinale che organizzò alla perfezione il grande Giubileo del 2000 vegliava su un patrimonio immobiliare di 761 fabbricati e 445 terreni. Ma con quelle distese, è chiaro, qualcosa poteva ben sfuggire anche all’occhio di un amministratore attento come Sepe. Provocando i guai che ora si vedono emergere dalle inchieste della procura di Perugia sulla cricca degli appalti. A Napoli no, l’occhio può vigilare con più attenzione, mettere a reddito e fare funzionare in modo oculato. Ma anche nella nuova avventura il mattone a Sepe non è mancato. La sua archidiocesi di Napoli direttamente o indirettamente (anche attraverso il locale istituto per il sostentamento del clero), controlla 138 fabbricati e 47 terreni, compreso quel bel bosco che in qualche modo è destinato alle passeggiate dell’arcivescovo. C’è un po’ di tutto: sedi di istituti religiosi, conventi, case parrocchiali, uffici, esercizi commerciali e anche abitazioni vere e proprie messe a reddito con inquilini estranei alla curia. Grazie alla propria squadra di consulenti portata con sé il cardinale Sepe è riuscito a mettere ordine alle finanze di curia e a fare fruttare quel patrimonio immobiliare che era in alcuni casi non censito e assai trascurato. Ha trovato così risorse necessarie alle nuove iniziative lanciate dalla curia. La prima è stata la creazione di una sorta di finanziaria di mutuo soccorso. Si chiama Fondo spes, è stato creato in collaborazione con Unicredit bank e il Confidi Pmi Campania ed opera sul modello di una finanziaria per il microcredito. Concede- senza chiedere alcun tipo di garanzia patrimoniale- prestiti entro i 20 mila euro per avviare o riconvertire iniziative imprenditoriali o commerciali e riuscire così a superare i morsi stretti della crisi finanziaria. Ha già ottenuto qualche successo soprattutto fra i commercianti di Napoli. L’altra iniziativa è ancora tutta da creare. Ma le fondamenta sono già state poste fra la fine del 2009 e la primavera del 2010. E’ stato allora che Sepe ha dato i natali alla Verbum ferens srl, società controllata dall’arcivescovado che ha intenzione di farne la propria holding in campo editoriale. A febbraio scorso ha chiesto e ottenuto dall’Autorità di garanzia nelle comunicazioni l’iscrizione nel Roc, il registro degli operatori della comunicazione. L’ok è arrivato il 18 febbraio scorso dal direttore del servizio ispettivo e di registro della sede napoletana della autorità, Nicola Sansalone. La Verbum ferens è diventata così attiva, ma per il momento il piano di sviluppo resta riservato. Nel suo oggetto sociale c’è per altro la comunicazione (il Verbo da portare) a 360 gradi. La società infatti ha diritto alla “pubblicazione, distribuzione e commercio di libri, riviste e periodici di qualunque tipo e specie, sia in lingua italiana che in lingua straniera; l’attività tipografica; l’esercizio e la gestione di reti radiofoniche e televisive e la gestione di agenzia di stampa e/o di concessionarie di pubblicità”.
Posta un commento